15 Luglio 2019 fzoccheddu

ACIDO LATTICO, CAUSA REALE DEI DOLORI MUSCOLARI?

Solito imputato, l’acido lattico, risulta però innocente.
La sua azione determina senza dubbio l’affaticamento muscolare con effetti negativi nella performance sportiva, ma ciò avviene nel momento in cui il sistema anaerobico non riesce a produrre quote di energia sufficienti alla richiesta metabolica innescata dall’attività fisica in atto, passando così dal sistema alattacido a quello lattacido, non redditizio.

Il lattato è il prodotto della glicolisi anaerobica, conseguente ad una fermentazione che avviene quando il piruvato non partecipa al ciclo di Krebs, creando un legame chimico con altri protoni ed elettroni liberati durante la glicolisi dal NAD+ dando luogo al NADH che a sua volta cede i due elettroni ed il protone al piruvato tornando NAD+ mentre il piruvato diviene acido lattico, il quale viene trasportato dal sangue al fegato che riutilizza lo scheletro carbonioso del lattato per sintetizzare ancora glucosio, infatti l’acido lattico conserva parecchio potenziale energetico glucidico.
Negli sport esplosivi e massimali, il lattato viene utilizzato come fonte energetica diminuendone la concentrazione nei muscoli; tuttavia per i gruppi muscolari ad elevata presenza di fibre bianche, l’acido lattico prevarrà in quanto non dispongono di molti mitocondri che permettono al piruvato appunto di indursi al ciclo di Krebs, innescando perciò la fermentazione.

Nonostante ciò, il tempo di smaltimento del lattato dura mediamente meno di dieci minuti, quindi non può essere il colpevole dei dolori muscolari dopo la prestazione o addirittura nei giorni seguenti; essi sono da attribuire alle micro lacerazioni del tessuto muscolare originate in fase eccentrica del movimento, ovvero in fase di allungamento post contrazione.

Tali dolori vengono classificati come DOMS che tradotto significa dolori muscolari ad insorgenza ritardata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *